MULTIVERSO

Appunti sulla scrittura. E poi mondi interconnessi, percorsi tra scienza e arte, spiritualità e magia, fantasia e realtà.

DEBORA MONTANARI

Gli ultimi lavori, eventi, news. Biografia e foto per stampa e blogger. Contatti: info@deboramontanari.com

FICTION

Thriller, Fantasy, Horror, la Fiction nei film, nei libri, nelle serie-TV, per tutte le età. Ma anche un po' di Non-Fiction.

FILES DI CONFINE

Il punto di vista dell'autrice. Conferenze, progetti, articoli, ricerche: il lavoro di Debora al di fuori dei suoi libri.

"...la partita con l’Overlook era ancora aperta.
Sullo specchio, scritta con il sangue e non con il rossetto,
spiccava un’unica parola: REDRUM"
Stephen King

Torna Danny Torrance, devastato dagli eventi dell’Overlook Hotel e dal suo dono sovrannaturale, quello che il suo amico Dick Halloran gli rivelò essere lo Shining.

"Le fate non ci aiutano
solo a realizzare i sogni,
ma anche a identificare,
quali essi siano.
"

Doreen Virtue

Il ritorno di “Cenerentola” sul grande schermo mi ha permesso di soffermarmi sui cliché della favola classica, uno in particolare: la presenza delle Fate, tipico personaggio del Fantasy insieme a streghe e maghi.
Partendo da esempi come Flora, Fauna e Serena ne “La Bella Addormentata nel Bosco”, passando per la Fata Turchina in "Pinocchio" e finendo con la Fata Madrina di "Cenerentola", scopriamo che le Fate sono una presenza costante nella vita delle protagoniste e dei protagonisti delle fiabe, presenze magiche in grado di dare supporto, consigli e, all’occorrenza, incantesimi per aiutarli a superare le difficoltà della vita.

Ma le Fate appartengo davvero solo al mondo della fantasia?
Secondo Doreen Virtue, no!

Sono state le Edizioni Payot a pubblicare “Jules Verne e l’Esoterismo” per la prima volta nel 1984 e c’è da ringraziare le Edizioni Mediterranee - che nel 2005 lo traduce e lo pubblica - se ora anche a noi lettori italiani ci è concesso di andare alla ricerca di ciò che Jules Verne ha nascosto nei suoi romanzi.

La prima domanda che può venire in mente è: “che cosa mai può aver nascosto Verne nelle sue opere fantascientifiche?” Più di quanto si possa credere, è la risposta, soprattutto se si parla di rapporti dello scrittore con l’Esoterismo.

"Le membrane che ci separano dalla follia,

dal baratro, dai mostri sono così sottili.

Nient’altro che muri di carta"
J. A. Lindqvist

Ecco cosa sono i muri di carta del titolo: veli, membrane che separano mondi che si sovrappongono, realtà alle quali apparteniamo e realtà diverse, non umane, invisibili ai nostri occhi; così i mostri ci vivono di fianco, tanto vicino che a volte li incontriamo, li conosciamo, parliamo con loro ma non li vediamo... a volte.

L’anima soffre a causa dell’allontanamento dalla nostra natura intuitiva
che si esprimeva attraverso i miti, i sogni, le favole e le immagini.
Siamo affamati di simboli che nutrano lo spirito e l’anima.
(Lauren Artress, “Labirinto - il sentiero sacro”)

Lauren Artress ha pubblicato “Labirinto - il sentiero sacro” nel 1995 e MyLife Edizioni lo ha tradotto e pubblicato, rendendolo accessibile anche al pubblico italiano.
È stato uno dei primi libri a risvegliare l’interesse su questo argomento tanto particolare quanto antico.