Come in una Escape Room

Una stanza da cui fuggire. Un luogo in cui mettersi alla prova.

Tempo di lettura: 2 minuti

Eh già, la parola luogo è in corsivo. Vi suona come una incongruenza? Allora, per voi, il gioco è cominciato. Entrate.

Una stanza da cui fuggire, si possono tradurre così le parole escape room. L’escape room è un gioco: un gruppo di persone viene chiuso in una stanza e potrà fuggire solo decifrando indizi e riconoscendo incongruenze. Se non lo si fa entro una determinata scadenza, si perde. Ora esiste anche la versione virtuale online.

Vorrei rammentarvi, però, che vi ho subito messi di fronte a una incongruenza. La parola luogo in corsivo, un indizio che voleva suggerirvi che qui non vi parlerò di stanze fisiche, né di stanze virtuali online. Qui si va oltre.

L’escape room di cui voglio parlarvi è qualcosa di molto più potente, è una trappola senza muri, un gioco senza schermo. È una gara senza pari.

Alcuni libri sono come una escape room e i protagonisti siete voi. La trappola è il libro, il gioco è la storia oscura che racconta, la gara sarà con voi stessi. Nel momento in cui comincerete a leggere, comincerete a giocare.

Quando aprite una copertina capite che i protagonisti siete voi perché si accende una invisibile insegna nella vostra immaginazione, voi lo percepite, potete quasi toccare quell’insegna lampeggiante che urla: entrare sarà facile, uscire non lo sarà. E lo sapete, sapete che solo voi potrete tirarvi fuori da quel luogo.

Ci sono libri che vi catturano. Ci sono libri che vi tengono stretti, anche se li chiudete rimangono con voi, vi impediscono di uscire. Sono come una escape room, potete fuggire solo giocando e giocare solo leggendo. E solo l’ultima pagina vi libererà.

Nel frattempo, però, avrete fatto i conti con voi stessi. La vostra missione non è soltanto quella di fuggire, la storia che leggerete vi chiederà molto di più. La trappola una volta scattata vi obbligherà a partecipare, vi unirete ai protagonisti, farete le vostre scelte, troverete i vostri indizi.
Sarete messi alla prova e aprire questo tipo di libro significa accettare la sfida.

Indagherete le vostre capacità, affronterete situazioni al limite dell’orrore, solo il vostro coraggio vi terrà tra le righe. Solo la vostra determinazione vi spingerà verso la fine del gioco. Tenete però sempre a mente che, in certe situazioni, una forte dose di istinto di sopravvivenza può avere controindicazioni fatali.


P.S.
Ho lavorato su questo articolo pensando in maniera ampia, sia ai libri horror che a quelli fantasy. Alla fine, però, sarà sempre e solo il lettore ad avere l’ultima parola.

______________________________________________
Photo credits: foto di Marcin Czerniawsk su Unsplash

Previous Post